Pagelle: Milan – Siviglia 3-1

48b00efaf5a650e94046e509c1577551.jpgDida 5: non è quasi mai chiamato in causa durante la partita. Le uniche insidie arrivano dai cross provenienti dalle fasce o dagli insidiosi calci d’angolo degli andalusi. E proprio nelle uscite Dida dimostra la solita insicurezza degli ultimi tempi. In occasione del gol è sua parte della responsabilità e si fa sorprendere anche in occasioni simili capitate nel corso della gara.

Oddo 5,5: si propone con continuità e tempismo, ma spreca più volte gli splendidi lanci dell’ispirato Andrea Pirlo. Non è proprio in serata, sbaglia semplici stop o appoggi a pochi metri. In occasione del golspagnolo perde l’uomo, forse messo fuori tempo dall’uscita errata di Dida. Il fantasma dell’Oddo visto a Genova.

d7154c6c64f4607a45f09c16b04a2cf1.jpgKaladze 6,5: inizialmente soffre un po’ la fisicità e le doti tecniche di Kanoute e in qualche circostanza resta troppo distante dall’uomo permettendogli la conclusione. Poi però sembra prendervi le misure ed insieme a Nesta forma una difesa insuperabile.

Nesta 7,5: insormontabile. Prestazione perfetta, forma splendida. Autore di un provvidenziale salvataggio sulla linea evitando un pesantissimo 2-0. Alla lunga la sua classe viene fuori. Sicurezza ritrovata, pilastro fondamentale per la difesa rossonera.

06bad278f538c7da3cda1cab65e82a2d.jpgJankulovski 7: un gol da manuale del calcio. Difficilissimo per esecuzione e coordinazione. E soprattutto pesantissimo. Per il resto è autore di una gara piuttosto anonima, bloccato nella propria metà campo dalle discese di Dani Alves. Quando il Siviglia cala, si affaccia più spesso in zona d’attacco, rendendosi anche pericoloso.

Ambrosini 7: è l’anima di questo Milan. Soffre un po’ la partenza lampo degli andalusi e soprattutto il loro pressing. Perde qualche pallone di troppo nella fase iniziale ma poi si riprende alla grande. Svetta in mezzo al campo, aiuta l’attacco proponendosi spesso sulla corsia sinistra, arpiona un’infinità di palloni. Meritata la sua prima coppa alzata da capitano.

e1c8f329a3a615409b34c6b5296e9faf.jpgPirlo 8: un artista. Gioca con una calma e un ordine esemplari. Effettua lanci morbidi come un sorbetto alla mela verde (come dice Pellegatti). Da applausi i lanci per Oddo ed il fendente a filo d’erba per Ambrosini nel primo tempo. Nella ripresa sale del tutto in cattedra dettando ritmi e tempi di gioco come soltanto lui sa fare. Un capolavoro il tacco con cui libera Gattuso in occasione del pareggio, una perla l’assist perfetto a Jankulovski che regala il vantaggio ai rossoneri. Senza Parole, tutti in piedi, applaudiamo Andrea Pirlo.

e252d69e9811fe1440c00c85621e045f.jpgGattuso 6,5: forse uno dei primi tempi peggiori giocati da Ringhio con il Milan. Parte male, prendendosi un’ammonizione dopo soli pochi minuti. E’ spesso in ritardo e sbaglia tantissimi passaggi. Con un intervento maldestro, mette un giocatore andaluso in condizioni di raddoppiare, solo davanti a Dida. Nesta salva tutto e torna il solito vecchio Gattuso. Inizia a recuperare palloni, trascina la squadra, prende una botta in testa e stoicamente vuole rimanere in campo. Splendido l’assist per Pippo dopo la discesa sulla destra.

6f094992b7eb0a3bf7631afe97614d0c.jpgEmerson 6: entrare in campo, in supercoppa, arrivato da pochi giorni e non conoscendo il gioco dei propri compagni, vuol dire essere stimato infinitamente dal mister Ancelotti. Lo mette dentro e lui sa già cosa deve fare. Bell’esordio per il Puma, che darà sicuramente un gran contributo a questa squadra.

be61c38d293cce6b0380fbda6cdec1ca.jpgKakà 7,5: è imbrigliato nella marcatura costante dei giocatori del Siviglia. Viene attaccato di continuo, anche raddoppiato. Riesce comunque a liberarsi un paio di volte nel primo tempo e colpisce un palo dopo pochi minuti. Sa di essere l’osservato speciale da parte degli avversari, quindi si limita a fare le cose semplici senza strafare. Nella ripresa, complice un Milan trasformato, trova giocate e accelerazioni come quella in seguito alla quale si procura il calcio di rigore, prima sbagliato e poi, con freddezza ribadito in rete.

170b728f00fbfc12061cd5abc58614fc.jpgSeedorf 6,5: è una gara insolita la sua. Non quella di qualità e colpi di classe che tutti si aspetterebbero, ma una gara generosa, di quantità. Corre molto, si porta addosso i difensori avversari per poter dare un po’ di respiro a Kakà. Quando il Milan è in difficoltà è l’unico che prova a tener il possesso, senza sprecare palloni inutili. Stanco nella seconda parte di gara, cala parecchio fino al cambio con Brocchi.

Brocchi: sv

df3687b637126248b7d50c80adc48ac6.jpgInzaghi 7,5: 59 gol europei, ecco il suo biglietto da visita da inviare al Boca. C’è sempre, è in agguato costante nell’area del Siviglia. Dopo pochi minuti si libera in area di Paulsen, ma al momento del tiro viene anticipato da Kakà che la spedisce sul palo. A fine primo tempo va in gol, ma in netto fuorigioco. Poi nella ripresa è lì, a raccogliere il cross di Gattuso. Va sul secondo palo, quando qualsiasi altro attaccante sarebbe andato sul primo. I difensori lo perdono e lui mette il marchio anche su quest’altra finale. Superpippo!

Gilardino: sv

Ancelotti 10: non tanto per la partita in sè, ma per la squadra che ha creato. Un gruppo strepitoso di giocatori che si cercano a memoria. Sembra che la squadra si muova guidata da automatismi invisibili. Ancelotti l’ha plasmata tanto bene che potrebbe anche non sedersi più in panchina. Bravo poi a gestire il gruppo nelle particolari condizioni in cui si svolgeva la gara e dopo essere andati in svantaggio. Grande Carletto!

Pagelle: Milan – Siviglia 3-1ultima modifica: 2007-09-01T12:19:00+02:00da m4nt0
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Pagelle: Milan – Siviglia 3-1

Lascia un commento