PATO…MANIA

b4fe3a0da3a94dd29d61dc7f11449b6c.jpgSe ne sente parlare tantissimo ultimamente ma in pochi lo conoscono davvero. E’ dell’ultima ora la notizia che Milan e Chelsea si stiano contendendo questo giovane ragazzino dalle belle speranze, già etichettato in Brasile come O’Craque. E allora conosciamolo meglio questo giovane fuoriclasse.

Il Brasile è certamente il serbatoio principale di talenti per quel che riguarda il calcio, e la zona di Porto Alegre si contraddistingue in maniera particolare, basti pensare a Ronaldinho, Anderson, Daniel Carvalho, Rafael Sobis, tutti fuoriusciti dalle giovanili di Internacional e Gremio. Ora le due squadre si spartiscono altri due talenti che nel breve volgere di alcuni anni diventeranno certamente pilastri inamovibili della seleçao verdeoro: Lucas Pezzini e Alexandre Pato.

Alexandre Rodrigues da Silva, per tutti Pato, come il nome della sua città natale, è l’ultimo prodotto del vivaio dei campioni del mondo dell’Internacional. La cessione di Rafael Sobis agli spagnoli del Betis aveva fatto impensierire non pochi sostenitori dei colorados, ma il presidente del club Fernando Carvalho non era affatto preoccupato, lui sapeva già che nella formazione primavera stava crescendo una perla purissima, come disse il tecnico Abel all’indomani della conquista della Copa Libertadores: “Stiamo nascondendo un gioiello”.

La storia di Pato è affascinante come le storie di tutti i campionissimi. Già da bambino è solito giocare con qualsiasi cosa rotoli, palloni, limoni, arance, finché il padre decide di inserirlo a 4 anni in una squadra di calcio a 5. Solo 7 anni più tardi arriva all’Internacional, in seguito ad un episodio che avrebbe potuto stroncare la sua vita prima ancora che la sua carriera. Una banale frattura al braccio lo costringe ad effettuare una radiografia che evidenzia un tumore osseo. Senza denaro per affrontare l’operazione, la famiglia si rivolge ad amici e parenti, ma fortunatamente il chirurgo Paulo Roberto Mussi esegue l’intervento praticamente gratis.

E’ il 2001 e la vita di Alexandre è ad un bivio, superato brillantemente il periodo di convalescenza, fa il suo ingresso nelle giovanili  dell’Internacional, dove si mette in mostra grazie alla sua grande tecnica nello stretto e alla sua prolificità in zona gol. Nel 2006 segna 13 gol in 17 partite fra Coppa e Campionato Primavera regionale e successivamente si laurea Campione Primavera Nazionale con l’Internacional B, conquistando anche il titolo di capocannoniere grazie ai 7 gol messi a segno in 7 partite.

Pato è pronto per il salto di categoria, ha da poco compiuto 17 anni, ed il suo esordio, il 26 novembre scorso contro il Palmeiras, non potrebbe essere più sfolgorante, dopo soli due minuti di gioco e al primo pallone toccato è subito gol, e nel resto della partita offre due assist, colpisce una traversa di testa e delizia il pubblico con numerose giocate strappa applausi.

La nuova sensazione brasiliana si presenta con questo biglietto da visita all’appuntamento del mondiale per club in Giappone, dove con il suo gol all’Al Ahly diventa il più giovane marcatore della storia in una competizione ufficiale FIFA, segnando all’età di 17 anni e 102 giorni. Il primato in precedenza apparteneva ad un certo Pelè.

d5ff427e93df68bd30bd6e7719845843.jpgFisicamente ancora acerbo (1.79 m x 71 Kg), Pato è una seconda punta molto prolifica, come ha dimostrato anche nei recenti Campionati Sudamericani Under 20, in cui ha messo a segno 5 reti in 7 partite, portando il Brasile alla vittoria finale. Il gusto per la giocata è il suo marchio di fabbrica, non a caso il suo idolo è Cristiano Ronaldo, a cui assomiglia anche per la capacità di saltare l’uomo in corsa, e per la frequenza con cui si presenta in area per colpire di testa con profitto. Certe volte eccede nel cercare la conclusione di prima o la giocata estemporanea, ma questi difetti causati dalla precedente esperienza nel calcio a 5, sono facilmente correggibili, mentre il fiuto per il gol e la facilità di gioco palla al piede sono cose che nessuno può insegnare e che Pato ha già nel suo DNA.

Chelsea e Milan sono pronte alla sfida per aggiudicarselo. Lo ha rivelato il suo agente, Gilmar Veloz, al Sun. “Ci sono possibilità concrete e interessi reali e l’International lo sa bene. Il Milan ha già mandato un suo emissario, Leonardo, in Brasile per vedere Pato e anche il Chelsea ha fatto la stessa cosa, ma per ora non c’è niente di deciso. La squadra brasiliana ha dei diritti sul giocatore e intende farli rispettare”. Secondo Veloz, nel caso in cui il Chelsea offrisse 18 milioni di sterline (ovvero circa 27 milioni di euro), si aggiudicherebbe la giovane promessa, anche se le difficoltà nell’ottenere poi il permesso di lavoro potrebbe complicare la trattativa. Ecco perché il Milan non ha ancora perso le speranze di piazzare il colpo, malgrado la precedente offerta di 12 milioni di euro sia stata rifiutata dall’International, che ha pure fissato una clausola di rescissione di 16,5 milioni di euro. “Il contratto di Pato scade nel 2009 – ha proseguito il suo procuratore – e i tifosi brasiliani possono stare tranquilli, perché senza il consenso del club non si farà niente. E comunque, visto il ragazzo non ha ancora 18 anni, non potrà andarsene prima di gennaio del prossimo anno”.

 Ed ecco cosa è in grado di fare questo baby-fenomeno:

PATO…MANIAultima modifica: 2007-06-26T16:47:10+02:00da m4nt0
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “PATO…MANIA

  1. Guarda tutte le discussioni | Guarda tutti i messaggi < Prima discussione | Discussioni più vecchie >
    Re: Kačar, il re del calcio totale 11-set-09 14:39
    Ciao ragazzi!
    Volevo informarmi di una cosa, ho beccato su internet questo articolo sull’uscita del MEGAPOSTER DI PATO!!!!Vermante bello
    penso che lo comprerò per me e la mia bimba!
    Guardate qua:”La Gazzetta dello Sport presenta i Megaposter – il tuo campione alto due metri. Vivi la passione per i tuoi eroi
    ogni giorno a casa tua con la Collana Ufficiale dei grandi protagonisti del Campionato di calcio 2009/2010.
    Per la prima volta in formato unico da 2 metri stampato su carta speciale.Dal 14 settembre in edicola a soli € 9,99″

Lascia un commento