500 Volte Milan

56bb367eff262956e3b6738069e53bce.jpg

Nel pomeriggio di oggi l’amministratore delegato Adriano Galliani ha premiato le 300 partite di Massimo Ambrosini in rossonero e le 200 di Alessandro Nesta. I due rossoneri hanno tagliato questi due prestigiosi traguardi nella sfida di Champions contro il Benfica.

Così Adriano Galliani ha ripercorso la storia di questi due splendidi giocatori con la maglia del Milan:

“Ricordo benissimo l’estate del 2002 e l’arrivo di Alessandro Nesta al Milan. Ricordo che per l’occasione chiamai Milan Channel e feci interrompere le trasmissioni per annunciare l’arrivo di uno dei più forti giocatori del mondo. Interrompere le trasmissioni del canale tematico rossonero è un privilegio per pochi. Ricordo naturalmente anche l’estenuante trattativa con il presidente Cragnotti. La Lazio chiedeva tantissimo e noi avremmo potuto chiudere solo se il Milan fosse passato nel preliminare di Champions a Liberec. Così fu è iniziò dunque la bellissiama avventura di Alessandro Nesta al Milan. Ricordo il suo esordio con il Modena e da allora Sandro si è tolto parecchie soddisfazioni con la nostra maglia. Se in quella serata a Liberec non fossimo passati Alessandro non avrebbe vestito la maglia del Milan e molto della nostra storia sarebbe cambiato”.

“La storia di Massimo Ambrosini invece è diversa. E’ la storia di un ragazzo di 18 anni che giocava nel Cesena, squadra da sempre nostra amica. Mi ricordo che Ariedo Braida mi disse che quel giovane centrocampista era assolutamente da acquistare perchè fortissimo. Costava un po’ caro, ma Ariedo mi disse che quella spesa bisognava farla. Se oggi Ambro è al Milan molto lo di deve al nostro Direttore Generale. Di Massimo ricordo l’esordio in Coppa Italia a Pescara nel 95 e oggi lui è il capitano del Milan. Mi dispiace molto che gli infortini non gli abbiano permesso di giocare più partite, io di Ambro non mi sono mai lamentato della qualità, ma delle poche partite giocate. Sono sicuro anche che se Ambro non fosse rientrato nella passata stagione noi non avremmo certamente vinto la Champions. Il suo ritorno ci ha consentito di cambiare assetto tattico e di giocare con quel modulo che oggi è la nostra forza. Ambro è stato certamente determinante nella vittoria della Champions League”.

Nel giorno del compleanno del presidente Silvio Berlusconi Adriano Galliani ha voluto naturalmente sottolineare il grande amore tra il Milan e Berlusconi: “Il nostro Presidente è insostituibile, lui ci ha regalato vent’anni unici. La sua è una passione infinita, capace di regalarci ben 25 primi posti e qualcosa come una media di due trofei a stagione. Qualcosa di magico lega lui al Milan e quest’anno lui sarà in prima persona a tifare Milan a Tokio. Per la prima volta il Presidente vuole spingere da vicino i rossoneri sul tetto del mondo”.

Adriano Galliani ha poi affrontato i numerosi temi di attualità: “I milanisti devono essere felici della grande prestazione del Milan a Palermo. Solo la sfortuna e gli episodi ci hanno impedito di vincere. Sono sicuro che il nostro modo di gestire le situazioni e la nostra mentalità ci porteranno ancora molto lontano. Per quanto riguarda gli attaccanti io non credo ci siano particolari problemi. Parlare di unica, prima o seconda punta è riduttivo e sbagliato. Il Milan ha un potenziale offensivo importante e un sistema di gioco che porta in posizione avanzata anche giocatori come Seedorf e Kakà. E poi noi tutti aspettiamo Pato senza dimenticarci di Ronaldo. Sono sicuro che ci siano tutti i presupposti perchè accada qualcosa di veramente straordinario con Pato. A Milanello non possono essere tutti impazziti e le relazioni che mi giungono dal centro sportivo su questo attaccante sono esaltanti”.

500 Volte Milanultima modifica: 2007-09-29T20:30:26+00:00da m4nt0
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “500 Volte Milan

Lascia un commento