Sempre il solito ritornello

b2918400eff92af5534d4323813ace61.jpgStanco delle critiche: “Ogni anno lo stesso ritornello”. Adriano Galliani, investito dalla rinchiesta di rinvio a giudizio nell’ambito dell’inchiesta sul falso in bilancio, conferma l’assoluta estraneità della società e si sposta sul Milan, criticato da ogni parte per il suo atteggimento in campionato.

“Sì, lo stesso ritornello – graffia l’a.d. rossonero -. Poi però alla fine della stagione gli stessi che criticavano si ricrederanno. Quindi nessun problema”. Galliani sfodera sicurezza e fiducia: “Non guardo e non seguo le polemiche, affronto tutto con la serenità di chi è campione d’Europa e di chi ha il più grande allenatore e i più grandi giocatori”, risponde.

Il dirigente rossonero è ovviamente rammaricato per i due pareggi casalinghi con Fiorentina e Parma, ma nega con tutto se stesso che ci sia un problema di attaccanti. “Non è detto che debbano segnare sempre loro – spiega il vicepresidente -. Pensavamo di averne tre a disposizione, ma ora Ronaldo è infortunato, e sapevamo che Pato sarebbe stato disponibile solo a gennaio, comunque non compreremo nessun nuovo attaccante perché il nuovo acquisto ce l’avremo già ed è appunto Pato”.

Dichiarazioni in sintonia con quanto affermato a Milan Channel da Filippo Inzaghi: “Ora possiamo solo migliorare. Comunque non è un fatto di Champions o di campionato: come dice Ancelotti, probabilmente le squadre europee vengono per difendersi, ma non sono abituate a farlo perché nei loro campionati non giocano in quel modo. Le italiane giustamente ci aspettano dietro perché sanno della nostra forza e questo ci complica di più la vita. Ma ci rifaremo. Il Milan tornerà quello di prima”. Parola di Pippo.

Sempre il solito ritornelloultima modifica: 2007-09-24T18:05:02+00:00da m4nt0
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento