Idea Quagliarella?

786057ef6b4dee40ae6434eea5bf909b.gifIl caso-Ronaldo è un tormento non da poco. Tutto il Milan è in apprensione, soprattutto pensando allo stop che s’impone: ancora un mese, poi chissà.  E’ appunto questo il tema: quanto dovrà stare fermo il brasiliano? Si vuole essere ottimisti, ma si deve progettare anche il futuro con la meno bella delle ipotesi, quella di una lunga sosta. Così il piano societario si sposta sull’utilizzo di Pato, dal prossimo 4 gennaio, ma anche con la necessità di un attaccante esperto da affiancare a Inzaghi, Gilardino e Kakà qualora Ronie dovesse stare fermo. Così ecco che l’idea-base, già in cantiere da due mesi, si può sviluppare.

E l’idea si chiama Fabio Quagliarella. Diventa lui il grande obiettivo del Milan per il mercato di gennaio. O meglio: l’attaccante dell’Udinese verrà tenuto sotto osservazione da qui a dicembre. Da tempo Arrigo Sacchi consiglia questo giocatore alla società rossonera. Anche pubblicamente. Fino a questo momento sembrava che il Milan non avesse tenuto conto di questa segnalazione, ma la realtà è che l’Udinese non ha voluto trattare perché aveva impostato tutta la campagna acquisti proprio sulla presenza dell?attaccante napoletano. Adesso è diverso, soprattutto in relazione agli sviluppi del caso-Ronaldo e al reintegro, a Udine, di Di Natale.

Il Milan deve capire quale sarà il domani di Ronaldo. Metterà alla prova Pato, ma senza assilli: non si può chiedere a un 18enne di essere subito un fenomeno. Quagliarella a gennaio avrà il grande vantaggio di non aver disputato nemmeno una partita nelle Coppe Europee, quindi sarà utilizzabile in Champions League nella seconda fase, quella dell’eliminazione diretta. E lì sarà un’arma letale. L’Udinese ha un punto in due partite e potrebbe essere costretta a ridimensionare un po’ i suoi obiettivi, quindi potrebbe cedere Quagliarella per una cifra intorno ai 20 milioni. Il Milan ha 3 mesi e mezzo per pensarci, mica poco.

Idea Quagliarella?ultima modifica: 2007-09-10T18:17:39+00:00da m4nt0
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento